Menu Content/Inhalt
Home arrow RICERCA LIBERA
Questo sito fa uso di cookie tecnici e di cookie analitici di terze parti necessari al funzionamento ma non di cookie di profilazione.
Chiudendo questo banner o continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo.
Per maggiori informazioni sulle caratteristiche e sulle modalità di disattivazione dei cookie

si veda l'informativa estesa.  

Accessi

2715
Parole e Musiche delle canzoni di Roma Stampa E-mail
Le Parole delle canzoni
thumb_happyroma_p
 
vecchia_roma
 
 
 
 
 

 


Arrivederci Roma

Renato Rascel
Garinei, Giovannini e R.Rascel

T'invidio turista che arrivi,
t'imbevi de fori e de scavi,
poi tutto d'un colpo te trovi
fontana de Trevi ch'e tutta pe' te!
Ce sta 'na leggenda romana
legata a 'sta vecchia fontana
per cui se ce butti un soldino
costringi er destino a fatte tornà.
E mentre er soldo bacia er fontanone
la tua canzone in fondo è questa qua!
Arrivederci, Roma...
Good bye...au revoir...
Si ritrova a pranzo a Squarciarelli
fettuccine e vino dei Castelli
come ai tempi belli che Pinelli immortalò!
Arrivederci, Roma...
Good bye...au revoir...
Si rivede a spasso in carozzella
e ripenza a quella "ciumachella"
ch'era tanto bella e che gli ha detto sempre "no!"
Stasera la vecchia fontana
racconta la solita luna
la storia vicina e lontana
di quella inglesina col naso all'insù
Io qui, proprio qui l'ho incontrata...
E qui...proprio qui l'ho baciata...
Lei qui con la voce smarrita
m'ha detto:"E' finita ritorno lassù!"
Ma prima di partire l'inglesina
buttò la monetina e sussurrò:
Arrivederci, Roma...
Good bye...au revoir...
Voglio ritornare in via Margutta
voglio rivedere la soffitta
dove m'hai tenuta stretta stretta accanto a te!
Arrivederci, Roma...
Non so scordarti più...
Porto in Inghilterra i tuoi tramonti
porto a Londra Trinità dei monti,
porto nel mio cuore i giuramenti e gli "I love you!"
Arrivederci, Roma...
Good bye...au revoir...
Mentre l'inglesina s'allontana
un ragazzinetto s'avvicina
va nella fontana pesca un soldo se ne va!
Arrivederci, Roma!


Roma nun fa la stupida stasera

Roma nun fà la stupida stasera
damme 'na mano a faje di de si
Sceji tutte le stelle
più brillarelle che poi
e un friccico de luna tutta pe' noi
Faje sentì ch'è quasi primavera
manna li mejo grilli pe' fa cri cri
Prestame er ponentino
più malandrino che ciai
Roma nun fa la stupida stasera
ROMA nun fa la stupida stasera
Damme 'na mano a faje di de si
Sceji tutte le stelle
più brillarelle che poi
e un friccico de luna tutta pe' noi
Faje sentì ch'è quasi primavera
manna li mejo grilli pe' fa cri cri
Prestame er ponentino
più malandrino che ciai
Roma reggeme er moccolo stasera.


GRAZIE ROMA

Antonello Venditti

Dimmi cos'è,
che ci fa sentire amici anche se non ci conosciamo
dimmi cos'è ,
che ci fa sentire uniti anche se siamo lontani.
dimmi cos'è cos'è
che batte forte forte forte in fondo al cuore
che ci toglie il respiro e ci parla d'amore.
Grazie Roma che ci fai piangere abbracciati ancora
Grazie Roma, grazie Roma che ci fai vivere e sentire ancora
una persona nuova.
Dimmi cos'è cos'è
quella stella grande grande in fondo al cielo
che brilla dentro di te e grida forte forte dal tuo cuore.
Grazie Roma che ci fai piangere abbracciati ancora
Grazie Roma, grazie Roma che ci fai vivere e sentire ancora
una persona nuova.
Dimmi chi è
che me fa sentì 'mportante anche se nun conto niente,
che me fa Re quando sento le campane la domenica mattina
Dimmi che è chi è
che me fa campà sta vita così piena de problemi
e che me da coraggio se tu non me voi bene.
Grazie Roma che ci fai piangere abbracciati ancora
Grazie Roma, grazie Roma che ci fai vivere e sentire ancora
una persona nuova.


ROMA ROMA

Antonello Venditti

Roma Roma Roma,
core de stà città,
unico grande amore,
de tanta e tanta gente,
che fai sospirà.
Roma Roma Roma,
lassace cantà,
da stà voce nasce un core,
so centomila voci che hai fatto nammorà.
Roma Roma bella,
t'ho dipinta io,
gialla come er sole,
rossa come er core mio.
Roma Roma mia,
nun te fa cantà,
tu sei nata grande
e grande hai da restà.
Roma Roma Roma,
core de stà città,
unico grande amore,
de tanta e tanta gente,
ch'hai fatto nammorà.


ROMA CAPOCCIA

Antonello Venditti

Quanto sei bella Roma quand'e' sera
quando la luna se specchia
dentro ar fontanone
e le coppiette se ne vanno via,
quanto sei bella Roma quando piove.
Quanto sei bella Roma quand'e' er tramonto
quando l'arancio rosseggia
ancora sui sette colli
e le finestre so' tanti occhi,
che te sembrano dì: quanto sei bella.
Oggi me sembra che
er tempo se sia fermato qui,
vedo la maestà der Colosseo
vedo la santità der cupolone,
e so' piu' vivo e so' più bbono
no nun te lasso mai
Roma capoccia der mondo infame,
na carrozzella va co du stranieri
un robivecchi te chiede un po'de stracci
li passeracci so'usignoli;
io ce so'nato Roma,
io t'ho scoperta stamattina.


VACANZE ROMANE

Matia Bazar

Roma, dove sei? Eri con me
Oggi prigione tu, prigioniera io
Roma, antica città
Ora vecchia realtà
Non ti accorgi di me e non sai che pena mi fai
Ma piove il cielo sulla città
Tu con il cuore nel fango
L'oro e l'argento, le sale da te
Paese che non ha più campanelli
Poi, dolce vita che te ne vai
Sul Lungotevere in festa
Concerto di viole e mondanità
Profumo tuo di vacanze romane
Roma bella, tu, le muse tue
Asfalto lucido, "Arrivederci Roma"
Monetina e voilà
C'è chi torna e chi va
La tua parte la fai, ma non sai che pena mi dai
Ma Greta Garbo di vanità
Tu con il cuore nel fango
L'oro e l'argento, le sale da te
Paese che non ha più campanelli
Poi, dolce vita che te ne vai
Sulle terrazze del Corso
"Vedova allegra", máìtresse dei caffè
Profumo tuo di vacanze romane


IL CIELO SU ROMA

Colle der Fomento

Esco di casa e ci sto dentro, la mia città grande quanto grande il mondo, a volte mi ci perdo non la conosco fino in fondo eppure so quanto Roma capoccia è splendida al tramonto per molti un vanto, riflessa nello specchio dei negozi persa in mille vizi, troppi pezzi troppi palazzi, mille facce mille storie mille volti hai giurato ma alla fine poi ti scordi qualcuno te lo scordi se lo perde per la
strada ma Roma se ne frega in cambio dalla notte che ti invita fredda che quel freddo ti rimane a volte così calda che quel freddo te lo fa scordare, così viziata e vissuta nello stesso tempo insegna quante volte ch'ai da esse svelto troppe volte ha visto l'amore fasse rosso su una lama de cortello ma dimmi quante volte hai visto il cielo sopra Roma e hai detto quant'è bello, viettelo a vedè dall'alto scavalca il muro al foro e viemme accanto eccola e stasera non farà la stupida
darà le mejo stelle la mejo luna che me illumina.
Rit.
E' nella testa
tutto qua tutto qua
comunque resta
tutto qua tutto qua
E' nella testa
tutto qua
restano le mejo stelle solo le mejo che dà
E' nella testa
tutto qua tutto qua
comunque resta
tutto qua tutto qua
E' nella testa
tutto qua
tutto quello che mi serve sotto il cielo della mia città.

Nato in mezzo al fiume della mia città nel cuore della mia città chi nasce qua qua ci resta, la gente vive nel posto nel quale abito intorno a me ma non ne vive neanche un attimo, n'adà passà d'acqua sotto sti penti prima che si risolvano e ritornino i conti quante ne ho viste vissute o ne ho fatte sotto questo cielo giorno e notte, l'ho attraversatata col motorino da parte a parte o in matropolitana sotto il suolo sottostante, la sua forma è la mia forma, la Roma di chi se ne va ma che tanto poi ritorna, tanti scenari da film per chi si ama quante fontane per bere in ogni angolo di Roma negli anni ottanta si girava con lo special cinquanta qualcuno ci aveva messo il centoquaranta i ciaetti che facevano una piotta e trenta e sotrie del genere le cose grosse più le piccole per crescere, in mezzo a questo sotto questo cielo vivo ed un motivo ce sta se lo scrivo.
Rit.
Roma la città eterna non scende a patti la Roma dei coatti le comitive sui muretti, le borgate la periferia i palzzi la Roma degli sguardi che finiscono in scazzi, nei cortili qualcuno sta vendendo qualcuno sta comprando una sirena e stanno già scappando via di qui tocca dasse al più presto più presto per lasciare un segno in mezzo a tutto questo, la Roma dei romani de Roma de chi la
vede pe la prima e ce se innamora la Roma bene acchittata che pe acchittasse paga le sale giochi la mattina coi pischelli che hanno fatto sega il fronte i fasci il forte gli autonomi le situazioni brutte di notte stazione termini il bionno tevere il cilo sopra Roma che non smette mai de vivere.
Rit.


Roma Di Notte

Tiro Mancino

Non era solo questo che mi ha riportato qui
dove sto vivendo questo tempo
dove tutto ha un posto tranne me
e una ragione forse c'è
ma vola via come le foglie al vento
Questo è il mio suono che nasce dai dubbi che io ho
come che fare nella vita per esempio
sto in bilico su un tubo
quando rubo tutti i suoni gli stili i segnali di vita nei cortili
ma gli argomenti sono i miei personali
e non puoi trovarne altri uguali
questo è il mio suono che nasce dal video
Roma città chiusa nella casa dove vivo
dove pago l'affitto di un milione e cento al mese
sconfitto dalle bollette appese
non morirò stritolato dalla burocrazia che mi assale
non farò file su file
non starò in fila per giorni
s'è rotto il terminale ci dispiace ritorni
Non era solo questo che mi ha riportato qui
dove sto vivendo questo tempo
Cammino cinque passi avanti alle intenzioni
cinque passi avanti alla pronuncia del mio nome
cinque passi nel delirio della capitale
cinque passi nel futuro per tornarlo a raccontare
adesso sta ad ascoltare
Tutte le strade che a Roma portano
quando ci arrivano s'ingorgano ristagnano
fumi di scarico impastano la lingua e l'alito di rabbia facile
basta un attimo per perdersi e ritrovarsi ancora qui
volantini fradici calpestati in vicoli
conosci ma non eviti
t'impantani in chiacchere buttate a vanvera
credendo d'essere l'unica ancora con il possibile


Estate Di Città

Il Regno

Anche Oggi L'aria Fresca Manca Mandando
La Mia Mente In Vacanza
Il Sole Brucia Tipo Cielo In Una Stanza
Ahhh! Basta Per Oggi Ne Ho Abbastanza
Esco
In Cerca Di Fresco
Ma Incalza
Calura Densa Come Condensa
Mi Riempie I Polmoni Come Fosse Ganjia
Silenzio Nella Strada Risate Nella Piazza
Sono I Pischelli Del Rione Giocano Con L'acqua
Bei Tempi Divertenti Ma È Tempo Di Fiacca
La Vacca
Grassa Ora E' Magra Ma Basta!
Con Il Sole In Faccia Accaldato Rilassato
Mi Scaldo L'inverno Che Ho Dentro E' Già Lontano
Strano
Eppure Mi Sembrava Ieri Fosse Cominciato
Spero Sia Passato
Adesso È Il Presente L'importante
Mentre L'afa Sale Dall'asfalto Rovente.
Rit.
Quando Calienta Il Sol....
Finestre Chiuse, Serrande Abbassate E' Il Paesaggio
Che Faccio?
Gli Amici In Campeggio Io Solo Che Passeggio Dentro Un Caldo Da Miraggio
Mi Guardo In Giro, Nessuno In Casa
Che Strana Che È Roma
Praticamente Vuota
Gli Anziani Del Baretto Parlano Di Chessa' Che Cosa
Birra Fredda Carte Per Loro Per Me Un'altra Strofa
Sul Taccuino
Un Tizio Sul Motorino Cerca Clienti Come Arrotino
Ma Non Batte Chiodo Batte Sole
Scandito Dal Rumore Di Cicale
Tutto Questo È Solo Per Me È Personale
È Inutile Bussare Qui Non Aprirà Nessuno
Non Mi Disturbate Tra Strade Vuote Vado In Cerca Me Stesso
Il Sole E' Il Mio Peyote
Questa È La Mia Quiete.
Proiettato Al Volo Dentro Un'altra Dimensione
Tipo I Film Western Con Strade Polverose Che Guardavo Da Bambino In Televisione
Con Storie Varie
Di Sparatorie Sembra Mezzogiorno Di Fuoco, Loco?
Non Credo Questo É Mezzogiorno D'agosto Dentro Il Quale Vedo Il Mio Quartiere Sotto Un'altra
Prospettiva
Dentro Il Quale Sento Quella Quiete Sulla Pelle Che Mancava
Dove Stava?
La Parte Ruvida Si È Sciolta Come Cera
Perché Se Calienta Il Sole Nella Playaa Nella Città Si Squaglia Dal Calore
Pochissimo Rumore Poche Cose Sanno Influenzare Così Il Mio Umore
Come
La Mia Città Con Quattro Gatti,
Tutti In Cerca D'ombra Mentre 'sto Mc.
Sogna " Club Tropicana Drinks Are Free.."
Rit.
Breakdown
Agosto Roma Mia Non Ti Riconosco
Così Ferma Cosi Vuota Nel Caldo Gira Arrosto Raccontata Dall'inchiostro Che Fermenta Come Mosto
Per Fermare Il Tempo E Dare Ai Miei D.j. Un Altro Testo Per Fare Quelle Rime
Cui Mi Dono
Canto Cio' Che Vivo E Lo Racconto Sopra Un Trono
Cosa Sono? Cosa Suono? Perché Con Questo Caldo Uso Rime Come Valvola Di Sfogo?
Mi Chiedo.


La Roma che conosco

Marco Conidi

La Roma che conosco la porto sempre dentro
nei giorni di burrasca e in quelli senza vento
Tra vicoli, palazzi, bar, trattorie
so centomila strade... e so tutte mie
E sono tutte mie le facce della gente
le donne sul balcone, il ricco, il mendicante posteggiatori, tassinari, barbieri e benzinai
la Roma che conosco non la conosci mai
Non fa' la stupida stasera
damme 'na mano a faje dì da sì
Non fa' la stupida stasera
La Roma che conosco c'ha sempre er sole addosso
e quanno esco ride, e me lo presta spesso.
E pure quanno piove sembra che non disturba
te fracica, te frega... E' come una donna furba
la Roma se vedemo, dimo, annamo, famo,
non ti devi da preoccupare che tanto te richiamo
la Roma... N'dov'è che devono andare tutti quanti?
Moto, motorini, vespette... ottovolanti.
La Roma che conosco, du' ore pe fa un metro
però mentre te blocca te fa vedè San Pietro
Non fa' la stupida stasera
damme 'na mano a faje dì da sì
Non fa' la stupida stasera
La Roma che conosco è tavoli in eccesso
e tutti addosso a tutti ma stamo bene lo stesso
basta che quel piatto rimanga sempre quello
guanciale, pecorino... e un pò di quel vinello
Che ce fa uscì contenti tra vicoli incantati
a ride con gli amici oppure innamorati
La Roma che conosco te insegna a fa l'amore
e a ogni bacio aggiunge un pò, un pò del suo sapore.
Così la porti dentro dovunque te ne vai
La Roma che conosco... non la conosci MAI!!
Non fa' la stupida stasera
damme 'na mano a faje dì da sì
Non fa' la stupida stasera
Non fa' la stupida stasera
damme 'na mano a faje dì da sì
Non fa' la stupida stasera


On An Evening In Roma

Dean Martin

Como e bella ce la luna brille e strette
Strette como e tutta bella a passeggiare
Sotto il cielo di roma
Down each avenue or via, street or strata
You can see em disappearing two by two
On an evening in roma
Do they take em for espresso
Yeah, I guess so
On each lovers arm a girl I wish I knew
On an evening in roma
Though theres grining and mandolining in sunny italy
The beginning has just begun when the sun goes down
So please meet me in the plaza near your casa
I am only one and thats one too few
On an evening in roma
Dont know what the countrys coming to
But in rome do as the romans do
Will you on an evening in roma
Como e bella ce la luna brille e strette
Strette como e tutta bella a passeggiare
Sotto il cielo di roma
Dont know what the countrys coming to
But in rome do as the romans do
Will you on an evening in roma
Sotter celo de roma
On an evening in roma